Quale materiale scegliere per la montatura degli occhiali da vista?

Quale-materiale-scegliere-per-la-montatura-degli-occhiali-da-vista

Una delle prime scelte a cui ci troviamo davanti quando si tratta di acquistare un paio di occhiali da vista è quella del materiale: ebbene, la celluloide e il metallo sono i due universi principali da conoscere quando si è alla ricerca del prodotto che più fa al caso proprio. Andiamo a scoprirli entrambi da vicino!

L’occhiale da vista in celluloide: creativo e versatile, amato dai designer

Quella che comunemente in ambito ottico viene chiamata celluloide è l’acetato di cellulosa, un materiale plastico ottenuto a partire dalle fibre residue del cotone. Insieme al metallo, la celluloide è il materiale più usato per le montature degli occhiali da vista: sempre lucente e in grado di consentire molte varianti di colore, questo materiale è amato dai designer e da chi è particolarmente attento al lato fashion dell’occhiale.

La celluloide infatti permette di liberare la creatività, sia con abbinamenti cromatici particolari come la doppia lastra con differenti colori all’interno e all’esterno, sia con l’utilizzo di fantasiosi inserti in piume, pizzo o foglie, in grado di rendere ogni occhiale un pezzo unico.

 

Cerchi una montatura perfetta per il tuo viso? Scarica la nostra guida e scopri come scegliere forma, colore e materiale!

 

Il nylon: materiale leggero, perfetto per gli sportivi

Se più che all’estetica siamo interessati alla leggerezza, il materiale su cui puntare quando scegliamo la montatura dei nostri occhiali da vista è il nylon: non a caso questo tipo di elemento viene spesso utilizzato per gli occhiali da vista degli sportivi. Egualmente leggera, poi, è la montatura per occhiali da vista in plastica iniettata, che è tuttavia di qualità decisamente inferiore.

Il nylon, poi, oltre a essere leggerissimo, è, a differenza della celluloide, anche termoresistente, ovvero non è soggetto al calore: ciò fa sì che gli occhiali in nylon non si deformino con il calore del viso, rendendoli adatti all’utilizzo in contesti dove le temperature sono elevate.

 

Acciaio o titanio? Oro o argento? La montatura in metallo è super trendy!

Sulla scia di un generale revival delle tendenze anni Novanta, da qualche tempo il metallo è stato consacrato tra i materiali per le montature degli occhiali da vista più trendy e desiderati. Se è vero che i designer di occhiali non amano particolarmente il metallo pe la difficoltà di lavorazione, è altrettanto vero che questo materiale si è imposto nell’universo glam dell’ottica per la sua attitude minimal ed essenziale.

Quando si utilizza il metallo per le montature degli occhiali da vista si può usare l’acciaio (normale o chirurgico), oppure si possono mixare acciaio e celluloide in combinazioni particolari e innovative, in grado di dare subito carattere all’occhiale.

Il titanio, invece, garantisce molta più leggerezza dell’acciaio ma è dotato di altrettanta robustezza ed è privo di allergeni e di nichel. È bene sapere che questo materiale non si riconosce ad occhio nudo ma deve essere segnalato dall’ottico. Attenzione però: il prezzo di una montatura in titanio è assai elevato!

Meritano infine una menzione particolare quei metalli preziosi che vanno a creare delle vere e proprie montature gioiello: l’oro e l’argento. In questi casi si possono avere occhiali completamente placcati nel metallo prezioso oppure solo con inserti. In ogni caso, si tratta di una scelta super chic!

 

Bambù, legno, corno di bufalo: materiali nobili e naturali (con qualche controindicazione)

Oltre ai due universi della celluloide e del metallo, alcune montature per gli occhiali da vista possono essere realizzate anche a partire da materiali naturali e nobili che, a prima vista, possono sembrare molto innovativi e fashion ma che, a ben vedere, nascondono qualche “insidia”.

Tra questi c’è, prima di tutto, il bambù, materiale usato nelle costruzioni dove, non a caso, si è meritato l’appellativo di "acciaio vegetale" grazie alla sua resistenza meccanica sia alla compressione sia alla trazione. Usato come montatura per gli occhiali, tale materiale è altrettanto resistente e quasi del tutto impermeabile all’acqua. Non si può dire lo stesso del legno che, per la sua natura porosa, non ama l’acqua ed è molto delicato.

A tal proposito, il legno viene spesso mixato con il carbonio, che lo rende immediatamente più resistente senza perdere in leggerezza.

Tra i materiali nobili per le montature degli occhiali da vista, infine, c’è il corno di bufalo d’acqua indiano, materiale pregiato e raro che, per questo, necessita di un certificato di qualità. Raffinato e difficilmente deformabile, necessita di estrema cura dal momento che c’è sempre il rischio che si spezzi. Per esempio, per mantenerne la bellezza è necessario idratarlo alcune volte all’anno con una crema a base di paraffina.

Nonostante l'eleganza e la raffinatezza di questi materiali, non ci deve tuttavia sfuggire che si tratta in tutti i casi di prodotti naturali affatto malleabili e, quindi, adattabili alle peculiarità somatiche dei singoli volti. Per altro, l’acquisto di un occhiale di questo tipo implica un dispendio economico non da poco: sarebbe dunque un peccato investire denaro in un prodotto finito che fa fatica a calzare sul volto di ciascuno.

Inconvenienti di questo tipo sono facilmente aggirabili attraverso l’acquisto di una più pratica (e meno costosa) montatura in celluloide o in metallo, che meglio si adattano al viso di ciascuno e permettono all’ottico di modificarne le forme in qualsiasi momento.

Come scegliere la montatura dell'occhiale da vista

Torna al blog

Iscriviti alla newsletter!

Post recenti