Come funzionano le lenti antiriflesso: tecnologia e vantaggi

Come funzionano le lenti antiriflesso tecnologia e vantaggi

Quando si sceglie un paio di occhiali da vista viene sempre proposta dall’ottico l’aggiunta del trattamento antiriflesso. La domanda sorge quindi spontanea: vale realmente la pena acquistare delle lenti antiriflesso? Scopriamolo insieme.

Passi molto tempo al computer? Scopri come proteggere i tuoi occhi: scarica la guida gratuita!

 

Cos'è il trattamento antiriflesso?

L’antiriflesso è uno dei molteplici trattamenti che viene aggiunto alla lente da vista, sotto forma di una pellicola trasparente e molto sottile. Questo trattamento, interferendo positivamente con le luci artificiali e naturali che ci circondano, abbatte la quantità delle riflessioni da esse create sulla lente. In questo modo riesce a passare più luce (facendo percepire l’immagine più luminosa) e si rende la lente molto più trasparente, quindi esteticamente superiore.

Sarebbe più giusto parlare al plurale di “trattamenti antiriflesso” e non di uno solo: infatti non ne esiste soltanto un tipo, ma numerosi. In più, un trattamento antiriflesso che si rispetti e che valga la pena acquistare avrà, a seconda delle esigenze, più strati (fino a venti!): questo permette di abbattere più riflessi e di rendere la lente più performante. In ogni caso, gli strati non influiscono sulla sottigliezza della lente.

 

Perchè le lenti antiriflesso migliorano e rilassano la vista?

Quando si parla di performance delle lenti antiriflesso, si intende la risposta che queste avranno nelle varie situazioni di luce, principalmente artificiale: televisione, computer, guida, lavoro in spazi al chiuso (uffici, banche, ospedali e così via). In questi ambienti la luce emessa dalle lampade, dagli schermi e dai macchinari può rendere spiacevole l’esperienza visiva.

L’emissione luminosa della lampada sopra di te, o magari alle tue spalle mentre studi o lavori, può creare, riflettendo sulla faccia posteriore della lente (quella rivolta verso l’occhio), le cosiddette immagini fantasma. Si tratta di aloni luminosi fastidiosi che contribuiscono all'affaticamento visivo e a quelle che in gergo vengono chiamate astenopie (mal di testa, bruciori oculari, pesantezza oculare).

Con l’aggiunta alla tua lente di un valido antiriflesso eliminerai queste fastidiose immagini fantasma. Attenzione, quindi: al momento dell’acquisto, verifica che la lente venga trattata sia anteriormente (caratteristica presente in quasi tutti i trattamenti) sia posteriormente (come avviene ad esempio con le lenti Oclear offerte da Ottiqo).

Alla guida il trattamento antiriflesso diventa sinonimo di sicurezza: la prontezza nella risposta all’abbagliamento dei fari delle macchine che vengono nel senso opposto, il contrasto aumentato nelle zone più buie e la pulizia nell’immagine che si proietta sul nostro occhio sono solo alcuni dei vantaggi che il l’antiriflesso dona ai conducenti.

 

Le lenti antiriflesso servono solo contro le luci artificiali?

Assolutamente no! Le nuove generazioni di trattamenti antiriflesso presentano, oltre agli strati di base, anche alcuni strati preposti all’abbattimento, e quindi al filtraggio, dei raggi UV. Queste lenti da vista non schermano la luce, non essendo lenti colorate, ma la loro protezione dai raggi UV sarà la medesima di un occhiale da sole.

Ripara sempre i tuoi occhi dalla parte nociva dei raggi solari: una scarsa protezione aumenta il rischio di sviluppare malattie oculari precoci (es. cataratta, maculopatie).

Per una doppia protezione dai raggi UV puoi incorporare il trattamento antiriflesso con protezione per i raggi UV anche nella tua lente colorata da sole con gradazione.

 

È vero che le lenti antiriflesso si sporcano con più facilità?

La risposta è no: il mito del trattamento antiriflesso che fa sporcare la lente va sfatato! Al contrario, le lenti con l’antiriflesso si sporcano meno di quelle non trattate.

Una precisazione riguardante la qualità del trattamento, però, va fatta. Se opti per un antiriflesso economico e poco stratificato, non avrai l'anti imbrattante (trattamento contro le ditate) e l'idrorepellente (con cui lo sporco e l’acqua scivolano via dalla superficie) incorporati nella lente. Questa mancanza ti darà l’impressione che sia sempre necessario pulirla.

Selezionando un trattamento antiriflesso di una gamma superiore verranno incorporati sia l'anti imbrattante sia l’idrorepellente.

Per riassumere, una lente antiriflesso non si sporca di più delle lenti non trattate, ma avrai l’impressione che sia così solo perchè la superiore trasparenza che dona il trattamento stesso ti farà notare ogni tipo di irregolarità di superficie (sporco, ditate, polvere e graffi) con più facilità. Nelle lenti non trattate con antiriflesso, invece, queste irregolarità di superficie, presenti in numero maggiore, vengono “camuffate” dalla moltitudine di riflessi che si abbattono su di essa.

A te la scelta!

Come proteggere gli occhi davanti al computer

Torna al blog

Iscriviti alla newsletter!

Post recenti