<img height="1" width="1" src="https://www.facebook.com/tr?id=368390107154414&amp;ev=PageView &amp;noscript=1">

3 montature perfette per lenti progressive

3 montature per le lenti progressive

Le lenti progressive sono l'attuale manna dal cielo per i presbiti di questa generazione, persone dinamiche e giustamente esigenti come la società in cui vivono.

Si parla spesso della lente progressiva ideale ma pochi riflettono sul fatto che un ruolo importante lo gioca anche la montatura in cui poi verrà montata questa lente. Come sono fatte queste montature? Troverò la forma che mi sta bene? Queste sono solo alcune delle domande a cui troverai risposta leggendo questo articolo.

 

Quando hai fatto l'ultimo controllo visivo? Non aspettare più: prova il nostro test della vista online!

 

Perché la montatura per gli occhiali progressivi è importante?

Uno dei parametri costruttivi fondamentali di una lente progressiva è il canale di progressione, ossia quella zona verticale che collega il centro visivo per il lontano e quello da vicino. Lungo il canale il potere correttivo varia per farti vedere a fuoco alle varie distanze intermedie.

La lunghezza di questo canale viene decisa in base alla centratura dell'occhiale e quindi in base alla montatura scelta. Questo implica che più spazio c'è tra il bordo inferiore della montatura e la pupilla, più questo canale potrà essere lungo. In ogni caso, l'importante è che il canale sia ben proporzionato in funzione delle esigenze, della postura e delle abitudini del portatore.

Un canale lungo è sinonimo di progressione soft del potere correttivo, ossia niente sbalzi violenti di visione durante i movimenti verticali dell'occhio. Insomma, l’ideale per i portatori di lenti progressive!

 

La montatura per lenti progressive perfetta

Ormai è chiaro perché la montatura non sia da considerarsi una semplice cornice ornamentale bensì un fattore chiave per il comfort e le performance visive. Ma allora quali sono le montature da preferire?

Oggigiorno sono davvero poche le montature che vengono assolutamente sconsigliate per il montaggio di una lente progressiva perché ormai la lente può essere lavorata a tal punto da minimizzare i difetti anche nelle condizioni più difficili; basta solo che dalla parte del cliente ci sia collaborazione e coscienza di eventuali punti critici da affrontare. Tuttavia è bene ricordare che più il canale di progressione è lungo migliore sarà l'esperienza visiva, quindi perché complicarsi la vita inutilmente?

Alla luce di questi fatti le montature da evitare sono quelle basse e strette. Questo genere di montature va bene per i semplici occhiali monofocali ma con la lente progressiva c'è il rischio che non basti nemmeno il canale più corto e che quindi la zona per il vicino venga troncata.

Ecco alcuni esempi di montature da evitare:

 

 

La montature ideale per la lente progressiva è quella con una forma ampia, che copra bene l'occhio, le palpebre e che scenda anche sullo zigomo. In questo modo la pupilla potrà muoversi liberamente lungo tutta la lente senza dover sottostare a fastidiosi limiti dettati dal campo visivo severo.

 

Le 3 forme ideali per gli occhiali progressivi

Rimanendo saldo il principio per il quale il cerchio della montatura deve avere una bella ampiezza per poter essere considerato adatto alla lente progressiva, le forme più pratiche e comuni da poter sfruttare sono:

Forme tonde

Non importa che sia ovale, perfettamente tondo o un quadrato stondato; queste forme regolari fanno in modo che le distorsioni laterali del campo visivo siano minime e decisamente contenute.

Un esempio? La nostra montatura Ottiqo HO46-Come.

 

Forme squadrate

Queste forme sono forse quelle che sfruttano maggiormente il campo visivo per la lettura, visto che il bordo inferiore è dritto, a differenza di quello delle forme tonde o a farfalla. Sarebbe meglio preferire le forme tendenti al quadrato rispetto a quelle rettangolari, poiché avere la larghezza superiore all'altezza potrebbe portare a più distorsioni laterali. Tuttavia ciò dipende fondamentalmente dal tipo di progressiva scelta.

Cerchi ispirazione? Ecco il modello Kyle.

Forme a farfalla

Queste sono le forme un po' più vezzose ed estrose, tipicamente tondeggianti ma irregolari, a differenza delle forme precedenti. Queste irregolarità hanno poca influenza sul campo visivo e le sue distorsioni perché gli elementi più bizzarri, come forti angolature, vengono messi in zone poco importanti per i movimenti oculari (e quindi per la visione).

Se sei affascinata da questa forma particolare, Ottiqo ha un consiglio per te: la nostra montatura Mathea, perfetta per lenti progressive.

Come sta la tua vista

Torna al blog

Iscriviti alla newsletter!

Post recenti